Officin@Studio

Officin@Studio

Nel 2014 un gruppo di docenti della scuola Manfredini decide di organizzare un laboratorio pomeridiano per la sperimentazione didattica libero da vincoli valutativi o curricolari.
L’esperienza dell’insegnamento aveva evidenziato alcune criticità:

  • La difficoltà dei ragazzi nell’assumersi responsabilità in autonomia;
  • L’aumento dei disturbi specifici di apprendimento e delle relative certificazioni;
  • L’influenza non sempre positiva delle nuove tecnologie e dei nuovi modi di comunicazione.

Per affrontarle si è scelto percorrere queste strade:

  • la costruzione di un adeguato percorso di orientamento;
  • sperimentare il passaggio da una didattica incentrata sulla trasmissione di conoscenze e abilità ad una incentrata sullo sviluppo di competenze personali;
  • offrire attività che facessero emergere i talenti dei ragazzi e la loro creatività personale.

Dal 2014 sono stati organizzati progetti diversi, dalla fotografia ad Arduino, dalla stampa 3D allo storytelling, al Coding e video-making.

L’iscrizione ai laboratorio è aperta per tutti gli alunni della scuola secondaria di I grado Manfredini. I gruppi dei laboratori non rispondono né ad un criterio anagrafico né di livello, ma sono il risultato dell’osservazione e della preferenza espressa dagli allievi stessi.
Ogni lab prevede che i ragazzi realizzino un prodotto autonomamente da presentare in un evento pubblico a compagni e genitori.
Durante le attività i docenti, esperti di laboratorio, accompagnano i ragazzi nell’apprendimento e nella progettazione del prodotto finale attraverso il dialogo, l’affiancamento, la messa alla prova e l’esempio. In particolare modo, l’apporto principale degli insegnanti riguarda il dialogo finalizzato alla riflessione su quanto si sta facendo.
L’immagine sintetica utilizzata per presentare il laboratorio Officin@Studio è quella di un iceberg, riprendendo la similitudine con l’educazione (Blumenberg) per cui ciò che resta sommerso è quanto di abituale, e quindi non sotto posto a controllo conscio, c’è nell’uomo. Le attività di laboratorio hanno voluto interessarsi della parte sommersa attraverso la proposta di attività che prevedessero il fare, il pensare, il dialogare e il riflettere.

Nel tempo abbiamo scoperto che Officin@Studio è un importante ambito di sperimentazione per gli insegnanti, oltre alla progettazione e gestione dei laboratori, essi sono si sono coinvolti nella costruzione di strumenti per l’osservazione e la valutazione di competenze. Sempre più l’Officin@ rappresenta nella scuola un ponte verso una didattica di classe capace di trovare nuove strade per il successo di ognuno.